MASTER ONLINE:MASTER ONLINE IN PEDAGOGIA GIURIDICA, FORENSE E PENITENZIARIA

INPEF - Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare

Corso online su Internet
1500 ore - 12 mesi
Richiedi informazioni

Quelle della Pedagogia Giuridica, Forense e Penitenziaria sono aree di studio che trovano radici culturali moderne nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e nella Costituzione della Repubblica Italiana.

Coniugi in conflitto per l’educazione dei propri figli, genitori separati e divorziati, bambini abusati e vittime della violenza dei propri coetanei e degli adulti, adolescenti ristretti negli Istituti Penali per i minorenni, adulti detenuti costituiscono un complesso universo (dietro o fuori le sbarre) che ha bisogno di giustizia e legalità ma anche di interventi concreti e competenti per nuovi progetti di vita.

Il ruolo del Pedagogista giuridico, forense e penitenziario

Al Pedagogista Giuridico, Forense e Penitenziario, oggi, è richiesto di dare risposte efficaci mediante interventi capaci di decifrare i vissuti di disagio esistenziale di  adulti e minori coinvolti, a vari livelli, nel e dal contesto giudiziario.

Il suo ruolo è quello di “un professionista formato che collabora con gli altri professionisti che orbitano nel mondo giudiziario e sociale” per mettere a loro disposizione le proprie competenze, nell’interesse specifico sia dei singoli che del più generale interesse sociale.

Il Pedagogista Giuridico, Forense e Penitenziario, infatti, interviene su problematiche che riguardano:

  • La tutela dei Diritti Umani
  • La famiglia e le dinamiche che in essa si generano nei casi di conflitti genitoriali, di situazioni di separazione e divorzio, di allontanamento di minori dal nucleo di appartenenza con successivo affidamento a Comunità Educative e Case Famiglia
  • L’adozione e l’affidamento etero familiare
  • Gli abusi e i maltrattamenti intra ed extra – familiari
  • La violenza domestica
  • Le situazioni in cui i minorenni siano vittime di reati violenti e/o testimoni di giustizia
  • L’educazione all’utilizzo corretto delle tecnologie per la comunicazione e dei social media, per la protezione dalle insidie della Rete e per la prevenzione dei reati informatici
  • La progettazione di interventi educativi, in collaborazione con il personale scolastico, per la  prevenzione, il contenimento e il contrasto del bullismo e del cyber-bullismo
  • La progettazione all’interno delle comunità educative a fini di reinserimento sociale di minori in condizioni di disagio esistenziale
  • Le cause che generano la devianza giovanile e la criminalità adulta
  • La Mediazione penale, familiare e scolastica
  • Gli interventi educativi e rieducativi, destinati a minori, giovani adulti e adulti, da realizzarsi all’interno del sistema della Giustizia
  • La redazione di relazioni tecniche pro veritate

Il Pedagogista Giuridico Forense e Penitenziario, inoltre, può operare come:

  • Giudice Onorario presso i Tribunali per i Minorenni
  • Giudice Onorario presso le sezioni per i minorenni della Corte di Appello
  • Collaboratore esterno nei Centri per la Giustizia Minorile
  • Esperto presso il Tribunale di Sorveglianza
  • Consulente Tecnico di Parte
  • Progettista ed esperto all’interno di equipe socio-psico-pedagogiche

Obiettivi del Master

  • Delineare il profilo professionale del Pedagogista Giuridico, Forense e Penitenziario nel rispetto delle norme del Codice Civile e Penale all’interno delle quali opera a tutela dei Diritti inviolabili dell’individuo
  • Orientare  all’elaborazione di percorsi progettuali e operativi, di tipo multidisciplinare, da realizzarsi in ambito comunitario e penitenziario, a vantaggio dei minori e degli adulti ristretti, ai fini del loro reinserimento nel contesto sociale
  • Padroneggiare le tecniche di gestione degli interventi di mediazione nelle relazioni familiari ed interpersonali per contenere situazioni di conflitto
  • Accrescere la consapevolezza della specificità dei bisogni delle fasce vulnerabili della popolazione per prevenire e contenere, attraverso interventi professionali di rete, le manifestazioni di disagio esistenziale.

Il Master è rivolto a Pedagogisti, Educatorii, laureandi e specializzandi in Scienze della Formazione, Scienze dell’Educazione, Scienze del Servizio Sociale e Scienze Giuridiche, laureati in Giurisprudenza, Avvocati, Criminologi, Magistrati, Giudici Onorari.

Modalità di ammissione

Valutazione del titolo di studio e del CV da parte del Comitato Tecnico Scientifico del Master.

Esame finale

Attività progettuale, dove richiesto, e stesura della relazione finale. 

Possibilità, a discrezione del corsista, di discutere l'elaborato presso la Sede Nazionale, durante le sessioni di discussione delle Tesi di Specializzazione .

Attestato

Dopo il superamento della prova di valutazione finale, a ciascuno studente verrà rilasciato l’ “Attestato di Competenza nelle aree della Pedagogia Giuridica, Forense e Penitenziaria”, valido per gli usi consentiti dalla legge.

Spendibilità del Master

Il titolo culturale conseguito permette:

  • la partecipazione (se in possesso di tutti i requisiti richiesti) alla selezione per la nomina di componenti privati presso i Tribunali per i minorenni e presso le Corti d’Appello;
  • la partecipazione, unitamente a tutti gli latri requisiti richiesti da bando cdi concorso per la selezione per l’incarico di giudice onorario presso il Tribunale per i Minorenni;
  • Lo svolgimento del ruolo di Esperto ai sensi dell’ articolo 80 dell’Ordinamento penitenziario, a discrezione dei requisiti richiesti dal Bando di Concorso emanato dal Dipartimento di Giustizia competente;
  • l’esercizio privato della funzione di Consulente Tecnico di Parte, in sinergia con avvocati penalisti e civilisti che ne facciano richiesta diretta al Pedagogista Forense interessato;

N.B.

La Certificazione rilasciata, in caso di lavoratori dipendenti, può costituire titolo utile per avanzamenti e progressioni di carriera.

Può essere valutata, inoltre, come titolo aggiuntivo a quelli richiesti per accedere alle procedure di selezione di personale educativo operante nelle carceri.

I° MODULO

Introduzione al Master

Pedagogia Giuridica, Forense e Penitenziaria: definizione, applicazioni e aree di intervento

Pedagogia della Devianza e della Marginalità: da Giamburrasca alle nuove marginalità

II° MODULO

Convenzioni europee e Internazionali, le linee guida della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo; Contravvenzioni all’Italia; i Garanti e le Autority.

Cenni di Diritto Civile, di Famiglia, Penale, Penale Minorile, Penitenziario;

il Processo Penale Minorile; la Mediazione Penale Minorile

III° MODULO

I servizi territoriali

Il ruolo dei servizi sociali nelle procedure di affidamento e di adozione.

Iter ed istituzioni di riferimento: la scelta adottiva

Il progetto di affidamento e le istituzioni

Le relazioni d’aiuto

Gli interventi per l’elaborazione delle esperienze abbandoniche

L’adozione internazionale:

storia, legislazione internazionale, Convenzioni

la Commissione per le Adozioni Internazionali (CAI)

Le criticità dell’adozione internazionale e l’accompagnamento alla genitorialità internazionale

IV° MODULO

Il minore autore di reati

Il reato come espressione del disagio esistenziale

Il DPR 448/88 e le attività dei Centri per la Giustizia Minorile

L’Ordinamento Penitenziario e la sua attuazione: le criticità del trattamento e del reinserimento dei minori autori di reato. Gli interventi di recupero e di rieducazione rivolti ai minori ristretti negli Istituti Penali per i Minorenni

Le Baby-gang: caratteristiche e organizzazione interna

V° MODULO

Approfondimento: libro di testo “I Malamente” (Palmieri, Miraglia, Grimaldi – Armando Editore) con relativo questionario

VI° MODULO

Bullismo e cyber bullismo

La progettazione per la prevenzione di comportamenti antisociali. La promozione delle abilità prosociali come strategia di prevenzione delle difficoltà di relazione.

VII° MODULO

Minori e famiglie:

Le competenze e le funzioni genitoriali

La responsabilità genitoriale: definizione

Interdizione e decadenze della potestà genitoriale

Gli incontri protetti tra genitori e figli

Accertamento dello stato di abbandono morale e materiale dei minori

La valutazione delle capacità educative dei genitori biologici nei procedimenti di adottabilità

La procedura di opposizione all’adottabilità

VIII° MODULO

Elementi di Psicologia dell’età evolutiva

Profilo psicologico del reo e della vittima

Elementi di vittimologia

IX° MODULO

L’educazione degli adulti in carcere:

L’osservazione e il trattamento dei detenuti adulti: definizioni e modelli

La costruzione del futuro fuori dal carcere: strategie e problematiche psico-pedagogiche

Legami familiari e stato di detenzione

La rielaborazione dei reati attraverso le attività espressive ed artistiche

X° MODULO

Bambini e famiglie Rom - I bambini in carcere

La Famiglia criminale

XI° MODULO

Il Giudice Onorario

L’esperto del Tribunale di Sorveglianza

Il Tutore e l’Amministratore di sostegno

XII° MODULO

L’ascolto del minore sessualmente abusato:

Pedopornografia e Incesto

Il profilo dell’abusante

Indicatori di abuso

L’abuso nell’ascolto. Ascoltare, registrare, raccogliere una testimonianza

XIII° MODULO

Il sistema delle Consulenze Tecniche d’Ufficio, delle Perizie e delle Consulenze Tecniche di Parte

Libro di testo:

“Papà portami via da qui!” (Palmieri, Miraglia – Armando Editore)

XIV° MODULO

Minori Stranieri Non Accompagnati

XV° MODULO

Carta del Pedagogista Giuridico e Bilancio delle Competenze

XVI° MODULO

Interventi per il contrasto alle povertà estreme e alla marginalità sociale

TIROCINIO

Il Tirocinio non è obbligatorio e può essere svolto dopo aver frequentato almeno il 50% delle lezioni per una durata minima di 25 ore fino ad un massimo di 250 ore.

Esperienze pregresse (o in corso) di lavoro, di volontariato, di servizio civile potranno essere eventualmente accreditate come attività di tirocinio.

La sede di svolgimento dovrà essere individuata autonomamente dallo studente e il Progetto di Tirocinio dovrà essere approvato dal CTS dell'Inpef, per la successiva stipula della relativa convenzione tra l’Inpef e la struttura ospitante.

A conclusione del percorso professionalizzante, lo studente redigerà una Relazione che potrà anche essere oggetto della Tesi finale da discutere al termine del master.

Metodologia e Strumenti

Materiale didattico previsto per il Master in aula (dispense, note di lezione etc.) per poter studiare e approfondire tutto comodamente da casa.

Svolgimento di verifiche scritte per consolidare l’apprendimento

Studio di libri di testo consigliati con esercitazioni

Questionario

Supporto di un tutor durante tutto il percorso formativo per il monitoraggio costante dei progressi di studio.

Possibilità di stabilire appuntamenti telefonici con il proprio Tutor

Copyright "INPEF - Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare"

RICHIEDI INFORMAZIONI

© 2001-2022 CorsiDiFormazione.it Tutti i diritti riservati. Termini d'uso | Privacy | Cookie Policy
Media Proxima srl - Sede legale: Corso Massimo d'Azeglio 8 - 10125 Torino
Capitale sociale: Euro 10.000 - Codice Fiscale e Partita I.V.A.: 10013210017 - Iscrizione al Registro delle Imprese: n. R.E.A. di Torino: 1098631