FACILITARE NELLE ORGANIZZAZIONI: MASTER DI CERTIFICAZIONE a MILANO

SEDE CORSO O MASTER

METALOG ITALIA - MILANO (MI)

DURATA

16 giorni

DATE

dal 12 aprile 2019 al 9 novembre 2019

ENTE ORGANIZZATORE

Come sviluppare competenze e metodologie per innovare, generare consenso e “senso” condiviso, rispetto ad obiettivi e progetti specifici e altamente sfidanti?

Il Master di alta formazione, unico in Italia con un profilo più chiaramente “professionale” e mirato al mondo aziendale, permette di apprendere e sperimentare alcune delle metodiche più utilizzate in ambito internazionale e quindi di andare oltre le skill e le competenze di formatore.

Con la facilitazione il focus, infatti, si sposta sui processi che vengono messi al centro, guidati in modo nuovo, generativo e altamente partecipativo. Il ruolo del facilitatore diventa quindi quello di “wave rider”, di leader indiretto, di regista delle dinamiche di apprendimento, delle dinamiche relazionali ed emozionali, alla guida di team e gruppi destinati ad alte prestazioni.

Il Master si prefigge l’obiettivo di trasferire le metodologie facilitative più efficaci, tra cui Group Facilitation Methods, World Cafè, Pro Action Cafè, Problem Solving Creativo, Mappe Mantali, Teoria U, Open Space, Appreciative Inquiry, con introduzioni operativi al Visual Thing e ai Piani di azione operativi e strategici, anche visuali.

Tutti i moduli del percorso sono strutturati al fine di far apprendere e sperimentare questi strumenti e di acquisire le competenze richieste al facilitatore dall’IAF ( International Association of Facilitators). Il percorso è stato valutato da una commissione IAF ed è ancora in fase di revisione e di nuova rivalutazione.

La struttura concettuale del Master pone anche l’accento sulla Facilitazione intesa anche come aspetto fondamentale dell’Intelligenza Emotiva del leader, il cui compito è sempre più quello di focalizzarsi sull’utilizzo efficace del potenziale, delle competenze e delle capacità generative di team e gruppi di progetto.

Tutto il processo viene inquadrato nel frame teorico della Theory-U e dell’Appreciative Inquiry, per dare unità e sistematicità al processo – la “big picture” e il “toolkit” scoperto dal vivo.

I  docenti garantiranno una continuità e una consistenza di percorso, un viaggio accompagnato passo passo con guide sempre presenti.

Il percorso avrà un  “fil rouge” esperienziale (case studies) e uno “visual” (spiegare, disegnare, visualizzare con i template, le metafore grafiche per la creazione dello spazio facoltativo e il potenziamento del processo).

Le esercitazioni, rappresentano dei workshop interattivi in cui i partecipanti si mettono direttamente in gioco sperimentando il ruolo di Facilitatore IN TUTTI I PASSAGGI DEL PROCESSO (analisi del caso, conoscenza del cliente, scelta di metodologia e approccio, progettazione, erogazione, debriefing e follow-up).

Il percorso prepara anche a sostenere l’esame di certificazione internazionale secondo gli standard IAF

Il percorso non richiede requisiti specifici. Alla domanda di ammissione sarà richiesto invio del curriculum vitae.

Programma:

Modulo 1: tre giornate (due giornate di facilitazione didattica ed una giornata di project work e facilitazione tra i partecipanti)

Le competenze del facilitatore: dalla teoria alla pratica

  • L’arte dell’invito e della facilitazione
  • Principi di progettazione partecipata
  • Il ruolo del facilitatore
  • Chi è il facilitatore e come lo disegnamo
  • Le competenze di facilitazione secondo gli standard IAF:
  • Le 6 competenze chiave del facilitatore applicate nel processo
  • La gestione dei gruppi difficili
  • L’ascolto attivo ed il processo di facilitazione
  • L’approccio visuale alla facilitazione
  • La gestione delle riunioni in termini di facilitazione
  • Costruzione di un processo di brainstorming facilitato
  • Introduzione e pratica al Group Facilitation Methods (GFM) e alla Tecnologia della Partecipazione (ToP)
  • Conversazione focalizzata (Focused Conversation): guidare e stimolare il gruppo verso il consenso e gli obiettivi desiderati
  • Tecnologia della Partecipazione (ToP) e metodo del consenso
  • Introduzione all’ Action Planning

—–

Modulo 2: tre giornate (due giornate di facilitazione didattica ed una giornata di project work e facilitazione tra i partecipanti)

Facilitare le competenze grafiche integrandole al lavoro di gruppo e sullo spazio

  • Imparare a disegnare
  • Favorire un agenda facilitata
  • Graphic recording e Visual Thinking e introduzione al Visual Management
  • Creazione e supporti grafici di un ambiente partecipativo
  • Le riunioni visuali
  • WorldCafè, strategie e modalità operative
  • Pro Action Cafè
  • Il “Circle” e l”art of hosting” come metodologia e pratica facilitativa
  • I PassaParola esperienziali e la mediazione all’interno dell’aula
  • Disegnare lo spazio e facilitare l’ambiente
  • Tecniche e modalità di dare “valore” alle conversazioni di gruppo
  • I principi operativi di un Open Space
  • Vivere l’Open Space
  • Facilitare la reportistica

—–

Modulo 3: tre giornate (due giornate di facilitazione didattica ed una giornata di project work e laboratorio individuale): 

Evocare la creatività del gruppo e la facilitazione dei gruppi allargati 

  • Un modello cognitivo per la Creatività
  • Associazioni e Connessioni – pensiero Lineare, Laterale
  • Brainstorming
  • Favorire il pensiero generativo – produrre idee
  • Strumenti di Facilitazione e di Visual Thinking
  • Stimolazione e ri-focalizzazione e Scamper
  • Le Mappe Mentali – Metafore del Pensiero Radiante
  • Le basi del Mind Mapping
  • Metodi, leggi, ostacoli e modi per superarli
  • Praticare e facilitare il Mind Mapping
  • Facilitare le Mappe Mentali
  • Immagini per semplificare e rappresentare concetti complessi
  • Visual Management – approcci e standard visuali

—–

Modulo 4: 3 giornate (due giornate di facilitazione didattica ed una giornata di project work e laboratorio individuale)

Facilitare i Team lo sviluppo delle competenze per i progetti e l’innovazione

  • Facilitare l’Innovazione: Approcci Visuali: Il Business Model Canvas®
    • Cos’è un Modello di Business
    • Descrivere, comprendere e innovare:
      • Mappa dell’Empatia
      • I Canvas Business Model & Value Proposition Design
    • Applicabilità ed estensioni
  • Oltre le due dimensioni: un approccio Costruzionista
    • Costruire nel mondo e nella mente
    • Pensare con le mani
    • La facilitazione con i mattoncini LEGO®: LEGO® SERIOUS PLAY®

—–

Modulo 5: tre giornate (due giornate di facilitazione didattica ed una giornata di project work e laboratorio individuale)  

Facilitare i processi di cambiamento: Teoria U e Design thinking

  • La Theory U per rispondere al cambiamento e all’innovazione
  • Punti ciechi e capacità di leadership
  • Le tecniche di facilitazione all’interno della Theory U
  • Il modello della Theory e l’utilizzo per il processo di facilitazione
  • Prototipare attraverso la Theory U: passi operativi per un processo di cambiamento personale ed organizzativo
  • Tecnihe operative passo passo
  • Il Design thinking
  • Il Design thinking e la Teoria U
  • Creare prototipi
  • Caso di studio
  • Applicazioni pratiche

—–

Modulo 6: tre giornate (due giornate di facilitazione didattica ed una giornata di project work e laboratorio individuale)

Facilitare i processi di cambiamento: Facilitare la leadership e la Pianificazione strategica

  • Host/Servant Leadership – approcci concreti di leadership per la gestione ed il cambiamento
  • Il ruolo del facilitatore come Host
  • Dove siamo in questomomento
  • Appreciative Inquiry e cambiamento strategico
  • Appreciative Inquiry come modello di processo ed organizzativo
  • Esempi nei gruppi di lavoro
  • Il processo di apprezzamento
  • Appreciative Inquiry e Theory U: strumenti operativi
  • La pianificazione strategia attraverso la facilitazione
  • Pianificazione Strategica Partecipata (PSP)
  • La focalizzazione sulla Visione e la Risoluzione delle contraddizione
  • Il ToP all’interno del processo trasformativo
  • Agilità e processi di facilitazione

Valutazione finale:

  • Facilitazione in aula di un tema/situazione che verrà assegnato/a dal secondo modulo (con presentazione di una serie di elaborati che seguiranno le linee guida necessarie alla certificazione IAF)
  • Valutazione individuale e di gruppo
  • Sono previste esercitazioni individuali e di gruppo

Daremo un attestato di frequenza a chi partecipa almeno al 70% del percorso e fa la prova pratica finale conclusiva.

Inoltre verrà restituito un feedback sull’andamento delle singole persone durante l’intero percorso.

I Plus di questo corso:

  • Il libro “Manager del Cambiamento” G.C. Manzoni e L. Marcolin, Edizioni FAG, incluso nel corso
  • Pre-work dedicato di approfondimento del corso
  • Questionario di verifica dell’apprendimento a fine corso
  • Webinar di approfondimento e/o introduzione su tematiche relative al corso il patrocinio dell’aula Microsoft PMI
  • Utilizzo di metodologie attive e dei Tools METALOG®, a supporto dell’efficacia didattica
  • Voucher di 50 euro, incluso per l’acquisto di uno strumento METALOG adatto alla facilitazione di gruppi e Team
  • Supporto on line dei facilitatori durante il percorso
  • Materiale in formato digitale e Area di condivisione on line e di supporto

Copyright "METALOG"

RICHIEDI INFORMAZIONI

© 2001-2019 CorsiDiFormazione.it Tutti i diritti riservati. Termini d'uso | Privacy | Cookie Policy
Media Proxima srl - Sede legale: Corso Massimo d'Azeglio 8 - 10125 Torino