CORSO: C254 LA TUTELA E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI a Roma

SEDE CORSO O MASTER

Sede da definirsi

DURATA

2 giorni

DATE

Data da definirsi

ENTE ORGANIZZATORE

Le recenti riforme hanno trasformato radicalmente il Mibact. Si tratta di una completa riorganizzazione avviata nel 2014 che supera la contrapposizione ideologica tra tutela e valorizzazione permettendo di investire nel settore della cultura e del turismo come fattore trainante della ripresa economica del Paese.

Scopo del seminario è quello di analizzare gli indirizzi politici dati alla

governancedel Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, la riorganizzazione del dicastero alla luce delle riforme dei nuovi indirizzi (d.l. 31/5/14, n. 83 convertito in l. 29/7/14, n. 106, d.m. 44 del 23/1/2016, ecc.) e le modifiche apportate alla gestione dei beni culturali.

Il corso è articolato in due parti: la prima è dedicata all’esame della normativa inerente i beni culturali, con approfondimento delle ultime circolari, con le sue novità in fatto di tutela e valorizzazione e di riorganizzazione degli uffici centrali e periferici del Mibact: dalla separazione del territorio dalle raccolte museali, all’idea che la cultura debba anche produrre profitto economico, pur relazionandosi con i principi fondamentali della Costituzione e con quanto scritto all’art. 9: «La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico artistico della Nazione». Verranno anche analizzate le considerazioni di associazioni, Università, istituzioni che a vario titolo si sono espresse sulle riforme. La seconda parte del corso si propone di approfondire la specificità e peculiarità dei beni culturali dopo la normativa più recente, con l’obiettivo di segnalare soluzioni operative e fornire conoscenze, strumenti, tecniche, orientamenti, per consentire agli operatori culturali di appropriarsi di mezzi idonei per gestire la cultura nella sua più ampia accezione.

Operatori e manager culturali, in formazione o attività, liberi professionisti (architetti, archeologi, storici dell’arte, conservatori, restauratori, guide turistiche, giornalisti, artisti), dipendenti di strutture-contenitori di beni culturali (Soprintendenze, musei, fondazioni, associazioni, biblioteche, archivi, uffici mostre, uffici eventi artistici, uffici stampa) in ambito nazionale e locale, a vari livelli di responsabilità.

Definizione di Bene culturale. Anamnesi legislativa dei beni culturali dalle origini ad oggi.

Le ultime riforme: le nuove direzioni generali Archeologia, belle arti e paesaggio, Educazione e ricerca, Arte e architettura contemporanee e periferie urbane; gli Uffici centrali e periferici; gli Istituti autonomi; le Soprintendenze uniche; le Soprintendenze speciali del Colosseo e Pompei; le Soprintendenze archivistiche e bibliografiche; i Poli regionali museali; la selezione pubblica per i direttori dei Musei italiani. Le “voci” di associazioni, università, istituzioni che si sono espresse a vario titolo sulle riforme. I palazzi del potere del Mibact: il Collegio Romano e il San Michele a Ripa Grande in Trastevere.

Integrazione tra cultura e turismo. Gli aspetti manageriali della gestione e del turismo: il turismo culturale; la privatizzazione responsabile e proficua per lo Stato al fine di allineare l’Italia agli altri Paesi europei nella condotta del marketing turistico transazionale. Programmazione delle attività culturali e gestione dei servizi al pubblico, la gestione integrata degli spazi culturali, accordo pubblico-privato. L’esempio di Palazzo Merulana a Roma e del castello di Santa Severa.

Management dei beni culturali: collaborazione fra pubblico e privato e valorizzazione del non profit e di tutte le forme miste di gestione; le agevolazioni fiscali (c.d. Art Bonus) che prevede la deducibilità del 65% delle donazioni devolute per il restauro di beni culturali pubblici; le biblioteche e gli archivi; gli investimenti dei teatri pubblici e delle fondazioni lirico-sinfoniche; i servizi di e-government attivi e di futura attivazione. I bandi di concorso per assumere professionisti del patrimonio culturale. La Capitale italiana della Cultura. Le domeniche gratuite e il record di ingressi nei musei statali. La ricostruzione del patrimonio culturale italiano gravemente danneggiato dai terremoti che hanno devastato il Centro Italia; l’impegno per la rinascita di Pompei e della Reggia di Caserta; la richiesta di spazi per mostre; le opere d’arte in comodato d’uso. Disamina di casi concreti di governance, gestione amministrativa, tecnica e di restauro di beni culturali.

Visita al Palazzo del Collegio Romano e ad un Servizio.

RELATORI

Dott.ssa Letizia CASUCCIO Direttore generale CoopCulture

Dott.ssa Alessandra FRANZONE Dirigente del Servizio Affari generali, innovazione e trasparenza amministrativa della Direzione generale Organizzazione, Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo

Prof. Arch. Roberto LUCIANI Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo

Copyright "CEIDA"

RICHIEDI INFORMAZIONI

© 2001-2018 CorsiDiFormazione.it Tutti i diritti riservati. Termini d'uso | Privacy | Cookie Policy
Media Proxima srl - Sede legale: Corso Massimo d'Azeglio 8 - 10125 Torino
Capitale sociale: Euro 10.000 - Codice Fiscale e Partita I.V.A.: 10013210017 - Iscrizione al Registro delle Imprese: n. R.E.A. di Torino: 1098631